L’ultima scelta… Per il momento

Se vi ricordate del mio post “Attratto dal lato oscuro della Forza” allora eccovi l’aggiornamento XD

Ebbene dopo un bel periodo di convivenza con Arch ho optato per tornare ad Ubuntu  e la motivazione sapete qual’è stata?

Avevo una vasta scelta per "sexy ubuntu", ma ho scelto quella meno spinta XD

A parte le donnine trovate con google abbinate allo stemma di Ubuntu (cosa di cui Arch scarseggia), la mia scelta è stata dovuta alla condivisione del pc con il resto della mia famiglia (mia moglie). Infatti con Arch mi sbizzarrivo con le versioni devel al punto tale che rendevo il sistema instabile!

Oltretutto, seguendo un progetto di pacchetti per Debian based di un gioco avevo bisogno di lavorare su un OS del genere… perlomeno XD

Quindi ritorno in pianta stabile al Koala, ma non temete… Riprenderò l’arco appena avrò a disposizione un piccì tutto mio che nessun’altro dovrà toccare.

Quindi riprenderanno anche le mie pseudo guide da nubbio… preparate i sechi e leggetemi solo a stomaco vuoto!

Attratto dal lato oscuro della Forza

darth-ubuntuÈ ormai un po di tempo che utilizzo Arch e posso ritenermi soddisfatto della scelta, ma… (come’è logico c’è sempre un ma)il lato oscuro della mia nubbiaggine oggi mi ha fatto un brutto tiro!

Stavo testando su una macchina virtuale la nuova rc di karmic che appena seleziono l’italiano ho incominciato a sbavare…

TANTE LUCINE CON EFFETTI!!!! OOOOOOHHHHHH!!!!!

Ebbene sì, la tentazione di rimetterla su hd è stata forte! Ma vorrei provare  a resistere, può essere stato un momento di carenza d’ossigeno al cervello dovuta al raffreddore che mi attanaglia in questi giorni.

Diciamocela, in fin dei conti rimango un nubbio e come tale sono affascinato da tutti quegli effetti molto accattivanti che ha di default ubuntu, ma poi?

Lo spazio in hd non manca ma lavorare su 3 distribuzioni differenti perché di ognuna mi piace qualcosa mi sembra ridicolo… Vabbè per il momento accantono la cosa, ma dovrò prestare maggiore attenzione la prossima volta, si sa mai potrei trovarmi a masterizzare la nuova relase della canonical senza nemmeno rendermene conto!

Per il momento vi lascio a questo video che non centra ma l’ho trovato mentre cercavo l’immagine ed ho pensato:

Devo postarlo!

Buona visione XD

Nuova pseudo-guida per creare pacchetti debian di V4LD4N

Personalmente preferisco installare un pacchetto già compilato e pacchettizzato, ma a volte capita di doverselo compilare da soli e quindi cosa fare?

Alcuni preferiscono seguire la linea più veloce che consiste in 3 comandi: ./configure

make

sudo make install

Continua a leggere

Un sistema operativo gratuito

newbie

La scelta del sistema operativo non è una cosa da poco, ma purtroppo molta gente non conosce nemmeno la possibilità di cambiarlo. Ormai la Microsoft con Windows ha abituato molti alla “comodità” di non scegliere. Io ho scoperto solamente un anno fa i sistemi operativi basati su GNU/Linux, ed ho scoperto che ce ne sono per tutti i gusti. Il problema più grosso forse è proprio quello, c’è troppa scelta e chi non li conosce si ritrova spaesato con il rischio di installarsi un S.O. troppo complicato.
Personalmente consiglio a chi me lo chiede di installare Ubuntu, perché concilia una facilità d’uso a stabilità e “leggerezza”, strizzando l’occhio anche all’aspetto grafico.
Ubuntu è un S.O. GNU/Linux basato su Debian (un’altro S.O. che ha una particolarità, cioè l’uso di pacchetti di programmi pre-compilati), ma differentemente da questa Ubuntu è molto attenta anche agli utenti meno esperti.
Ma perché bisognerebbe passare da windows a linux?
Perchéwindows ha bisogno di svariati programmi per essere tranquilli durante l’uso e molti di questi sono proprietari (quindi a pagamento), pensate ad esempio agli antivirus, spyware e firewall, ebbene con Linux non ce ne bisogno! Il firewall in realtà c’è (ed è pure ottimo) ma è integrato, invece per i virus non serve niente siccome non funzionano su linux, l’unico modo per “infettare” un S.O. linux è creare un programma (script o quant’altro) e una volta scaricato bisognerebbe dargli l’accesso ai file di sistema con la password di root (amministratore) quindi si può dire che ne è immune.
Ma non è tutto, con windows ogni tanto bisogna deframmentare (cioè quando windows scrive i dati sull’hard disk li spezzetta in tanti pezzi e li dispone in maniera casuale Così ogni volta che si apre un file l’HD deve cercare questi pezzi, ma con la deframmentazione questi pezzi vengono avvicinati così da permettere un’apertura più veloce), ma con linux non ce ne bisogno siccome scrive i dati tutti vicini.
Windows ha bisogno di macchine perennemente aggiornate utilizzando risorse maggiori a linux, mentre la controparte riesce a girare su macchine che si possono definire obsolete!
E per ultimo ma non meno importante il costo! Windows è caro, non si può ribattere a questo, mentre la maggior parte dei sistemi linux sono gratuiti (come quasi tutti i suoi programmi).

Se non vi ho ancora convinto a cambiare S.O. leggete quest’articolo.